BRAZIL

Sabato 18 novembre Marco “Padella” Rossi ha ripetuto BRAZIL, 7a, nella falesia di Pillori. Marco ha provato la via il sabato prima e, visto che le senzazioni erano buone, ha rinnegato il voto rastafariano tagliando la folta chioma, così da alleggerirsi ed essere più efficace nei movimenti ed alla fine direi che gli è andata bene.

Marco sul “chiave” di BRAZIL

Il tiro è lungo circa 18m: la prima parte sale una placca davvero povera di appigli dove, dopo un boulder iniziale che ti asciuga le dita, occorre essere concentrati e precisi con i piedi fino a raggiungere il gradino che segna la fine delle difficoltà. Da qui in sosta è solo una formalità…

Ho chiodato la via nel 1997 e non sono mai riuscito a salirla ma ho avuto il piacere di essere presente alla salita di marco ma anche alla prima libera di Cristiano Repetti del dicembre 2002. Due stili diversi per la stessa via: frontale quello di Cris, tutta su appigli e appoggi minimi rigorosamente sulla linea degli spit, più esplosiva quello usato da Marco, con un contorsionismo in partenza davvero complesso.

la sequenza utilizzata da Cristiano per risolvere il tiro

Dopo la salita di Cristiano la via è stata tentata da molti ma con certezza non so dire quante ripetizioni abbia ricevuto;  di sicuro le vistose impronte di magnesite sul tratto chiave sono la testimonianza che il placchismo può portare ad una forma pericolosa di rassegnazione…

Complimenti a Marco!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*