L’ESTATE STA FINENDO… – Le novità 2018 dalle nostre falesie

Deep water a Berlina Beach, molto frequentata nel periodo estivo

 

Questa lunga estate di tempo bello e stabile ha solleticato le voglie di chi è rimasto in provincia.

Queste, in pillole, le novità dalle falesie:

PERINO:

Marco “Padella” Rossi ha vinto la gara d’appalto (unico partecipante) per la pulizia di 150mq. Per ora sono stati attrezzati due nuovi tiri: UOMINI, BOSCHI E API (28mt, 5b, a sinistra di Arturo Cagaduro) e ALFA COME NOI (20mt, 5b, a sinistra di NenaNani). E’ stato interamente ripulito e richiodato AGGIUNGI UN CHIODO A TAVOLA (25mt, 5a) che ora presenta una chiodatura decisamente più omogenea e ben distribuita; modificata leggermente la parte finale di NENANANI (25m, 4c) e ripulita dalla vegetazione invadente grazie al tenace lavoro di Davide Ruggieri. Il materiale utilizzato è stato fornitoo dalla palestra della Cavallerizza.

Morena Picchioni su BAR ROSY, Praticchia

PRATICCHIA:

Ancora qualche piccolo lavoretto alle soste e aggiustamenti sul grado di qualche via dopo la visita di cortesia di Maurizio Oviglia, uno dei più qualificati “gradatori” d’italia:

DIAMANTE si attesta sul 6a+;

ALBA DI GIADA e il suo lancione passano a 6c;

DELICATEZZEN, l’ultima via attrezzata e che ha visto qualche salita in libera durante l’estate, prende il grado 6c.

 

Marco Rossi e BLACK BROCK, Vaccarezza

VACCAREZZA:

Molto movimento in questa falesia: un gruppo di giovani promesse coordinati a distanza dal buon Alessandro “Paco” Chiappini si è impegnato in una lotta titanica con l’edera che avvolge la parete all’ingresso e all’uscita del canyon. Da questo ciclopico lavoro è emersa una bella fetta di parete che promette una serie di tiri interessanti; per ora è stato attrezzato un tiro alla fine del lato sinistro del canyon, a destra di FLASH BLACK (che è stata allungata fino in cima alla parete): il nome è UMIDE GIMCANE ma il grado è ancora da assegnare. E’ stata posizionata una sosta a destra di questo nuovo tiro con relativa corda fissa per continuare nella pulizia e attrezzare quanto prima un nuovo progetto.

Attività anche alle Termopili: Marco Rossi e Eugenio Pinotti hanno attrezzato il diedro centrale che caratterizza il masso di destra. E’ venuto fuori così MOZZA-FIATO (20mt, 6c), bellissimo tiro in strapiombo. Posizionata anche una sosta a destra e iniziata la pulizia di un nuovo tiro, che sembra promettere difficoltà…Marco ha poi preso d’assalto BLACK BROK e la sua placca nera finale che per ora non è ancora stata domata.

 

Le placche della FUNGAIA. Sullo sfondo il Monte Penna

LA FUNGAIA:

Questa è sicuramente la novità dell’estate 2018. La parete, scoperta da Antonio Nani e Eugenio Pinotti nel 2015, è stata ripresa questa estate dal gruppo di Arrampicate.it che con un massiccio lavoro hanno sistemato e riattrezzato la falesia, inaugurata ufficialmente il 26 Agosto durante il Festival della Montagna. Daremo notizie più dettagliate sulla falesia a breve, per ora riconrdiamo che il 20/21 ottobre si terrà un we di arrampicata proposto dal Rifugio Casermette del Penna, a cui tutti sono invitati.

 

ROCCA DEL PRETE:

Qualche novità anche dalla Rocca, dove Lucio Calderone e compagni stanno lavorando per completare una nuova vietta nella zona della Candela. Eugenio Pinotti e Marco Rossi hanno invece attrezzato un nuovo tiro a fix nel nuovo settore di monotiri in preparazione nel Canale Martincano.

 

ROCCA DEI CASALI:

Giorgio “Boa” Franzini ha aggiunto tre nuovi tiri nel settore di parete a destra del diedro dove sale TOSSICA. La palestra della Cavallerizza ha fornito a Giorgio il materiale per richiodare anche i tiri del settore Via Borghetto, che erano rimasti esclusi dal lavoro di richiodatura fatto qualche anno fa.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*