CAVALLERIZZI IN MISSIONE – KALYMNOS

Vi proponiamo un breve resoconto e una galleria fotografica del viaggio realizzato in ottobre da Nicolò, Eugenia, Luciano e il piccolo Carlo a Kalymnos, uno degli spot europei più gettonati nel periodo invernale.

 

L’isola di Telendos, dove si arrampica ma gli avvicinamenti sono lunghi. L’isola si trova di fronte a Kalymnos e si può raggingere solo in barca e gli avvicinamenti sono a piedi.

Il team greco al ritorno da Prophitis Andreas: Nicolò, Eugenia, Luciano e il piccolo Carlo

 

Luciano sulle  belle placche di Arginonta Valley

 

Il nostro viaggio verso l’isola delle spugne è cominciato l’11 ottobre, ed è durato fino al 20. Atterrati a Kos, abbiamo poi preso un traghetto rapido, che in 20 minuti arriva a Kalymnos.

Da lì si noleggiano scooter o auto per raggiungere qualsiasi luogo; Myrties è un po’ il fulcro vitale dell’isola, sotto il profilo della arrampicata.

 

Un 5c untissimo ed espostissimo nel settore Palace

 

Violento 6c+ ad Arginonta, settore Diagoras Cave

 

Il clima è stato buono ma fin troppo umido, nel senso che la sera e la mattina l’umidità era forte e certe falesie ne risentivano.
Al sole, nonostante l’autunno inoltrato era impossibile arrampicare, quindi i “mosconi” arrampicatori con i loro scooter erano in perenne ricerca di falesie all’ombra.
Il rischio da tenere in considerazione era quello di trovare roccia unta, specie dove l’avvicinamento è prossimo allo zero, in non pochi posti quindi.

Come logistica il nostro consiglio è quello di soggiornare in hotel e di uscire a mangiare; il prezzo medio è basso per cenare quasi ovunque (vivamente consigliato il ristorante Barbayannis a Myrties).

 

Aperitivo di gruppo a Kos in attesa del traghetto

 

Luciano sale uno stupendo 6a nella falesia di Sea Breeze

 

Le migliori falesie raggiunte sono state quelle di Arginonta Valley, sempre all’ombra e con gradi medio bassi ma roccia bellissima.

Falesia “Symplegades”: un bel canyon tecnico con vie di media difficoltà nella frazione di Kamari.
Falesia “Prophitis Andreas”: avvicinamento di mezz’ora circa ma vista magnifica sui vari golfi sottostanti e gradi anche da super climber…..

 

Feroce fauna greca alla base della falesia di Palace

 

Nicolò alla muerte su un 6c a Sea Breeze

 

Eugenia su un bellissimo 6b nel settore Prophitis Andreas

Lucianino “il greco” a mollo nelle acque della Pirate Beach

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*